– INTERVISTE COL DESIGNER –

All’ultima non rispondo

Tempo di lettura: 3 minuti

01 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Odo Fioravanti
02 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Fred 2 (1)

Per Odo Fioravanti la luce e l’acqua sono materie che bagnano il corpo illuminando le nostre sensazioni. Tecnica e sentimento sono le basi di ogni suo progetto, a saperle usare bene si trovano le aziende giuste per realizzare i propri sogni   

Prima la luce, poi l’acqua. Questi sono due elementi molto sfidanti, quanto ti sei divertito ad affrontarli? 

Cerco sempre una via meno noiosa possibile per la progettazione spostando i contenuti nei campi semantici che mi interessano. Come a dire che il progetto non va per tipologie ma “nonostante” le tipologie. E divertirmi per me è cercare intensità nei progetti, qualcosa che sedimenta e si addensa con un lavoro di puliture successive. Acqua e luce hanno molte cose in comune, bagnano i corpi e gli ambienti, illuminano le sensazioni. Mi è anche capitato di metterle insieme nel prodotto Fred disegnato per Alpi, un soffione che ricalca l’immagine del classico diffusore troncoconico. Non una tipologia nuova, ma ho cercato di combinare la luce e l’oggetto in una soluzione più sintetica rispetto ai precedenti storici e credo di esserci riuscito tutto sommato.

03 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Volee
04 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Fade
05 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Allen
06 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Santa 2 (1)

Restando su “luce e acqua”. Prendiamo Volée e Fade, in entrambi c’è molta meccanica e tecnologia. Me li racconti?  

Voleé è una tasklight pensata per Fontana Arte durante la direzione artistica di Giorgio Biscaro e con l’aiuto dell’allora capo dell’ufficio tecnico Giambattista Scalfi. Si trattò di un lavoro complesso per dare forma a un oggetto che nella semplicità fosse pieno di dettagli tecnici ed esteticamente esatti. Difficile perché elettrificato e pieno di normative. Il twist arrivò verso la fine del processo quando individuammo un sensore-fotocellula che poteva rendere possibile l’azionamento della lampada con un semplice gesto, da cui il nome “tennistico”. Fade era una ossessione che avevo da qualche anno di far sparire la doccia in un controsoffitto e finalmente ho incontrato un’azienda che ha voluto credere in questa idea, la rubinetteria Alpi, che ha reso possibile questo sogno. Una doccia che attraversa il controsoffitto e si confonde con esso fino quasi a sparire. Dal punto di vista tecnico e normativo un’altra sfida complessa e a giudicare dal fatto che siamo stati repentinamente copiati da altre aziende è un intrinseco segno di aver raggiunto il risultato sperato, anche se non proprio edificante.

In una video intervista per noi hai parlato di “luci che non fanno luce, sculture che contengono un elemento luminoso, ma che bisogna illuminare da fuori per accenderle”. Che fare?    

Penso che si debba ritornare a pensare agli spazi e a cosa vogliamo che succeda quando una luce si accende. A come la luce può cambiare la vita – da spenta sì – ma soprattutto da accesa. Sono un po’ stanco di questi oggetti che quando si accendono non fanno succedere niente. Preferisco appoggiare una lampadina normalissima su un armadio o nasconderne una sotto il letto per vedere la luce diffusa sbucare da lì, piuttosto che piazzarmi in casa questi piccoli monumenti all’ego dei singoli designer. Ci sono per fortuna tanti che lavorano ancora sulla qualità della luce, ne dico uno per tutti: Francisco Gomez Paz, che crea oggetti che vorrei in casa, disegnati, belli, intelligenti e che fanno della qualità della luce una forza potentissima.

07 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Ivy
08 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Zero
09 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Abbecedario Photo Credit Emanuele Zamponi 01 (1)
10 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Bliss
11 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Babila Xl
12 Making Of Light All’ultima Non Rispondo Smilzo

Nei tuoi prodotti etica ed estetica in che proporzioni si trovano? 

Lo so, non si può rispondere con una domanda ma lo farò … Dove finisce il corpo di un amante e dove inizia quello dell’altro, quando fanno l’amore forte?

E di settembre 2021 cosa mi dici? 

Boh, non avrei fatto così. Ma in Italia se fai presente un dubbio sei disfattista. Io avrei puntato potentemente sul 2022. Meglio un pugno forte che tanti schiaffetti, e di risse ne so un sacco.