– COSTRUIRE IN CINA –

SenseLab progetta il benessere a Xi’an

Nel mondo la capacità progettuale e risolutiva è sempre stata riconosciuta come una tra le principali doti dei nostri architetti. SenseLab non è da meno di tanti, e storicamente blasonati, studi italiani che lavorano con l’estremo oriente e la Cina in particolare. Anna Barbara, architetto fondatrice e anima dello studio, mi ha raccontato il progetto per gli appartamenti Wutong a Xi’an (committente: Wutong Apartment Development and Management Corporation, Ltd).

Così Anna Barbara ci introduce all’edificio: “Il progetto degli appartamenti Wutong vuole trasformare una torre residenziale nella città di Xi’an in un modello di sviluppo di una qualità abitativa senza precedenti. È messa in discussione l’idea che il lusso sia pura estetica a favore di un approccio più evoluto, ossia che il lusso promuove una qualità degli spazi che coinvolge anche l’aria, l’acqua, il riscaldamento e i nuovi device digitali […] L’approccio alla progettazione di SenseLab è sense/time_based, ossia lavoriamo sull’estetica di queste qualità, le trasformiamo in esperienza sensoriale e usiamo il tempo come variabile compositiva di luoghi che devono essere abitati nella loro maggiore potenzialità”.

Così Anna Barbara ci introduce all’edificio: “Il progetto degli appartamenti Wutong vuole trasformare una torre residenziale nella città di Xi’an in un modello di sviluppo di una qualità abitativa senza precedenti. È messa in discussione l’idea che il lusso sia pura estetica a favore di un approccio più evoluto, ossia che il lusso promuove una qualità degli spazi che coinvolge anche l’aria, l’acqua, il riscaldamento e i nuovi device digitali […] L’approccio alla progettazione di SenseLab è sense/time_based, ossia lavoriamo sull’estetica di queste qualità, le trasformiamo in esperienza sensoriale e usiamo il tempo come variabile compositiva di luoghi che devono essere abitati nella loro maggiore potenzialità”.

La progettazione, come si è visto, comprende tutto l’edificio e i suoi impianti e subsistemi. Quello d’illuminazione è stato progettato e studiato per andare oltre alla semplice funzionalità di base. Il lavoro impostato da SenseLab, in partnership con Shenzen Decoration Backyard, ha una componente funzionale e una, altrettanto forte, emozionale. L’intervento coinvolge le zone comuni, come l’ingresso e i corridoi, e le camere. Anche la facciata è stata oggetto d’intervento con un’illuminazione dinamica. La pensilina d’ingresso riprende, in trasparenza, il tema delle foglie dell’albero di wutong appunto.

La Wutong Apartments Tower è alta 28 piani e fa parte di un più grande complesso edilizio. Per il piano terra si è privilegiata la creazione di spazi semipubblici rispetto a quelli più ristretti della lobby di ingresso per i condomini. Il terzo piano è quello semi-privato, dedicato alla comunità che abiterà la torre, composta da giovani famiglie e da manager che lavorano nella città, ma con famiglia altrove. L’idea di creazione di una comunità nuova, per questo innovativo modello di abitare è cardinale nell’idea del costruttore. Il terzo piano è un luogo dove praticare tai-chi e dove consumare pasti, dove soggiornare e incontrare gli altri condomini, ma anche dove i bambini residenti nella torre possono fare i compiti appena tornati da scuola. L’ampio terrazzo ospita un dehor, uno spazio attrezzato aperto condominiale per gli abitanti. La torre continua fino al ventottesimo piano, con piani standard impostati su 7 appartamenti. Le piante dei vari livelli sono differenziate ed estremamente versatili per ospitare piccole famiglie o top manager.

La Wutong Apartments Tower è alta 28 piani e fa parte di un più grande complesso edilizio. Per il piano terra si è privilegiata la creazione di spazi semipubblici rispetto a quelli più ristretti della lobby di ingresso per i condomini. Il terzo piano è quello semi-privato, dedicato alla comunità che abiterà la torre, composta da giovani famiglie e da manager che lavorano nella città, ma con famiglia altrove. L’idea di creazione di una comunità nuova, per questo innovativo modello di abitare è cardinale nell’idea del costruttore. Il terzo piano è un luogo dove praticare tai-chi e dove consumare pasti, dove soggiornare e incontrare gli altri condomini, ma anche dove i bambini residenti nella torre possono fare i compiti appena tornati da scuola. L’ampio terrazzo ospita un dehor, uno spazio attrezzato aperto condominiale per gli abitanti. La torre continua fino al ventottesimo piano, con piani standard impostati su 7 appartamenti. Le piante dei vari livelli sono differenziate ed estremamente versatili per ospitare piccole famiglie o top manager.

L’intervento di SenseLab ha riguardato anche l’installazione luminosa, dinamica delle facciate principali, con un riferimento alla “respirazione” dell’edificio e dei suoi inquilini. Gli appartamenti hanno una forte connotazione sense/time_based. Il progetto del microclima e benessere interno è ricercato anche in un rapporto costante con la luce naturale e diretta. Gli spazi pubblici e semipubblici dell’edificio sono connotati da un’accurata ricerca del dettaglio e dell’invisibilità delle sorgenti. La lobby d’ingresso e la libreria sono caratterizzate da superfici ampie e curve in finitura rame, traforate con foglie stilizzate, portate dal vento. Le grandi specchiature in marmo dell’ingresso riflettono e ampliano lo spazio, moltiplicando il vorticare aereo delle foglie luminose. Un percorso analogo è stato ideato per le camere da letto e il living. Alle spalle della testiera e del divano sono stati fissati alcuni pannelli in metallo retroilluminati e traforati col motivo a losanga della foglia, la distribuzione asimmetrica dei petali luminosi è memoria del vento purificatore.

Quello realizzato da SenseLab è un progetto integrato e stratificato, dove ogni livello è interconnesso con gli altri. Un progetto complesso ed efficiente, capace di respirare e diffondere benessere fisico e mentale tra gli abitanti. La ricerca dell’equilibrio omeostatico è sempre più richiesto, e fortunatamente, diffuso nelle metropoli contemporanee, che non devono essere solo Smart ma disegnate per un consapevole Well-Being.

Quello realizzato da SenseLab è un progetto integrato e stratificato, dove ogni livello è interconnesso con gli altri. Un progetto complesso ed efficiente, capace di respirare e diffondere benessere fisico e mentale tra gli abitanti. La ricerca dell’equilibrio omeostatico è sempre più richiesto, e fortunatamente, diffuso nelle metropoli contemporanee, che non devono essere solo Smart ma disegnate per un consapevole Well-Being.

Potete trovare altri progetti di hotel su Making of Lighting.