– LUOGHI DELLA CITTÀ –

Brera di sera reloaded

Tempo di lettura: 4 minuti

ERCO completa l’illuminazione della Pinacoteca di Brera (Milano) progettando e realizzando le nuove scenografie luminose del Cortile d’onore. Un lavoro a quattro mani con gli architetti del museo milanese: Alessandra Quarto e Angelo Rossi.

01 Making Of Light Brera Di Sera Reloaded Pinacoteca Di Brera Illuminazione Cortile 01
02 Making Of Light Brera Di Sera Reloaded Pinacoteca Di Brera Illuminazione Cortile 02

Due anni fa è stata completata la nuova illuminazione e il riallestimento delle 38 sale del museo, un progetto che riporta alla città il “suo” museo, pronto per essere vissuto “a occhi aperti”. Passeggiando lungo via Brera lo sguardo del passante verrà attratto da una nuova presenza, da una dimensione emozionale inedita: la nuova luce del cortile d’onore. Un’illuminazione che mette in risalto le statue, i busti e i monumenti che decorano il quadrilatero del Richini.

Gli architetti Quarto e Rossi, con l’ausilio di ERCO, hanno progettato un’illuminazione altamente performante e scenografica, ma che potrà anche essere colorata nei toni: blu, rosso o verde per creare scene luminose che saranno essere definite, di volta in volta, per gli eventi previsti dalla programmazione.

Il cortile di Brera si riprende il suo suggestivo fascino e va in scena, grazie a un progetto illuminotecnico di nuova concezione che permetterà “di leggere con gli occhi la storia del cortile” e anche di “sentire con gli occhi, perché la luce suscita emozioni e stimola i nostri sensi anche [e soprattutto] in questo periodo così buio”. È importante sottolineare come questo progetto, come il precedente riallestimento, sia stato realizzato a quattro mani unendo le competenze e le sensibilità dei tecnici ERCO e degli architetti interni del museo. Tutto è stato pensato, disegnato e realizzato con grande capacità e attenzione al fine di ottenere un’illuminazione che fosse funzionale e allo stesso tempo emozionale e che valorizzasse al meglio l’architettura e l’apparato scultoreo della corte.

03 Making Of Light Brera Di Sera Reloaded Pinacoteca Di Brera Illuminazione Cortile 03
04 Making Of Light Brera Di Sera Reloaded Pinacoteca Di Brera Illuminazione Cortile 04

Il cortile è caratterizzato da una loggia con un doppio ordine sovrapposto, opera dell’architetto Francesco Maria Richini, prototipo barocco dei cortili di area lombarda. L’ambiente è composto al piano terreno da una teoria di colonne tuscaniche, al piano superiore da colonne di ordine ionico, poggianti su basamenti, che scandiscono ritmicamente la balaustra in pietra. Tutto il complesso del cortile è ricco di mezzi busti e sculture dedicate ai personaggi illustri milanesi, resisi benemeriti nelle diverse discipline delle arti e delle scienze, vissuti tra la fine del ‘700 e attraverso tutto l’800.

Con la sua teoria di archi e volte a doppio ordine la corte emergerà con decisione, permettendo leggere con precisione l’impianto architettonico, questo grazie a una luce diffusa e perfettamente omogenea. Un’illuminazione d’accento, invece, è riservata alle statue e ai busti collocati lungo il perimetro del loggiato superiore, a quelli nelle nicchie, ai due monumenti lungo lo scalone di accesso alla Pinacoteca mettendo in risalto i volti della storia di Brera. Anche le grandi statue al piano terra hanno una loro luce dedicata che ne esalterà la plasticità. Questa scelta è stata alla base del progetto illuminotecnico: valorizzare il luogo più identitario del complesso braidense mettendone in luce la storia.

05 Making Of Light Brera Di Sera Reloaded Pinacoteca Di Brera Illuminazione Cortile 05
06 Making Of Light Brera Di Sera Reloaded Pinacoteca Di Brera Illuminazione Cortile 06

Abbiamo raggiunto Alessandra Quarto (architetto, Pinacoteca di Brera) che ha risposto a qualche domanda su questo affascinante progetto di rinnovamento illuminotecnico.

Le ombre in questo progetto hanno un peso e un corpo, mi racconta come avete lavorato?

Il progetto illuminotecnico, sviluppato per il cortile d’Onore ha richiesto particolare sensibilità e attenzione per ottenere un’illuminazione funzionale ed emozionale che valorizzasse al meglio l’architettura e l’apparato scultoreo che adorna il cortile. Luci e ombre hanno giocato un ruolo fondamentale per ottenere i risultati che oggi vediamo e che garantiscono la percezione del patrimonio monumentale. La teoria degli archi e delle volte su doppio ordine emerge con delicatezza grazie ad una luce diffusa ed equilibrata. L’illuminazione d’accento invece è riservata esclusivamente alle statue e ai busti collocati lungo il perimetro del loggiato superiore, a quelli nelle nicchie, ai due monumenti lungo lo scalone di accesso alla Pinacoteca ed è stata progettata per mettere in risalto le figure e i volti della storia di Brera. Le grandi statue al piano terra che ornano il centro delle arcate del cortile, raccontano di scrittori, poeti, scienziati, matematici, filologi, economisti e appaiono animate grazie alla luce che ne esalta la plasticità. Particolare attenzione, inoltre, è stata rivolta alla statua del Canova raffigurante Napoleone in veste di Marte pacificatore, con cui viene identificato lo stesso complesso di Brera.

“Una luce che ci farà sentire con gli occhi” è un’affermazione forte che rende bene l’idea della forza del progetto. Cosa ne pensa?

Entrando di sera da via Brera il visitatore si cala in una dimensione emozionale incredibile grazie al gioco dei contrasti e all’equilibrio di temperature di colore. Ogni fonte luminosa è stata dimmerata dopo numerose prove per ottenere il livello più adeguato in modo da raggiungere un’armonia generale: architettura e scultura.

L’illuminazione è stata studiata per operare su due livelli. Il primo, quotidiano, è quello funzionale all’uso del cortile. Il secondo, straordinario, è quello pensato per eventi e manifestazioni. Ce ne parla?

Una assoluta novità è stata quella di integrare l’impianto con un sistema di illuminazione scenografica per eventi e scenari temporanei, anche a seguito delle numerose richieste per eventi serali speciali e concerti, evitando di volta in volta l’installazione di luci aggiuntive. Colori diversi, quindi, daranno vita e stimoleranno letture differenti dell’architettura.

07 Making Of Light Brera Di Sera Reloaded Pinacoteca Di Brera Illuminazione Cortile 07

ERCO e la città di Milano consolidano il loro legame, dopo il Duomo (interni, esterni e museo) (lighting designer: Ferrara Palladino associati), la Galleria d’Arte Moderna, le Gallerie d’Italia e la Fondazione Prada, prosegue un’intensa relazione fondata sulla cultura della luce. Il completamento del progetto Brera segna un passaggio importante nella ridefinizione identitaria e illuminotecnica della città.

(immagini courtesy: Pinacoteca di Brera – fotografie: Andrea Cherchi)